polycolor...in alternativa

Sezione dedicata ai colori e non solo
Avatar utente
aeropenna
Messaggi: 368
Iscritto il: 02/01/2019, 17:37
Località: fano (pesaro)
Contatta:

polycolor...in alternativa

Messaggio da aeropenna »

Nel nostro settore, ogni tanto, abbiamo problemi di reperibilità dei colori, o necessitiamo di trovare alternative meno costose, e più a portata di mano.
Ora, da qualche tempo stò sperimentando degli acrilici in vasetto su tela in formati medi, per poi provare anche su cartoncino i zone molto piccole, sempre col mio micron 018. se ben diluiti e miscelati, non ho riscontrato grossi problemi se non quello della pulizia molto accurata da fare a fine lavoro, data la veloce asciugatura del pigmento...certo non sono il meglio sul mercato, ma a volte, in mancanza dei colori che usiamo di solito, trovo che questi siano una valida alternativa. si trovano in negozi di vernici o belle arti, costano circa 8 euro a barattolino con più di 200 gr di prodotto, che se diluito 4-5 volte, lo portano a più di mezzo kg di prodotto allo stesso costo di un flacone da 50-60 gr. di colore per aerografia più o meno. ora, non dico che sia il miglior prodotto, ma se avete problemi, e sento che spesso ne avete, una buona alternativa potrebbero essere questi.

Immagine
gli occhi vedono solo ciò che è limitato, guarda con il tuo intelletto, e imparerai come si vola
AFdesign
Messaggi: 19
Iscritto il: 07/02/2019, 9:04

Re: polycolor...in alternativa

Messaggio da AFdesign »

Molto bene buono a sapersi! Grazie mille
Avatar utente
axlrio72
Messaggi: 235
Iscritto il: 07/02/2019, 14:54
Località: La Loggia

Re: polycolor...in alternativa

Messaggio da axlrio72 »

Ciao Aeropenna,
grazie per l'info...
io avevo fatto una cosa simile con i colori in tubetto della Maimeri Acrilici, anche questi se ben diluiti funzionano egregiamente fino ad ugelli di 0.2, sono quelli che avevo usato per i capelli del pagliaccio, perché avevo trovato una tonalità che mi piaceva molto.
Maimeri.jpg
Maimeri.jpg (37.04 KiB) Visto 3865 volte
Ne approfitto per fare una domanda, con cosa diluite i colori ?

Per gli etac uso la loro base e poi aggiungo o H2O o il diluente 4012 Createx...

L'acqua però su plastica, se si diluisce troppo, tende a "scivolare" un pò, il Createx invece all'inizio è perfetto, bassa tensione superficiale, ma su alcuni colori dopo un 10/15 min tende a fare dei piccoli grumi.

Qualcuno dice glassex, ma è colorato e rovina le cromature

Ogni tanto leggo che usate alcol ?? .. ma cosa ?? non il denaturato e non credo l'isopropilico ??

Grazie per i consigli
Alberto
Avatar utente
pdani
Messaggi: 237
Iscritto il: 13/08/2018, 15:14
Località: Padova
Contatta:

Re: polycolor...in alternativa

Messaggio da pdani »

No, l'alcool con gli acrilici tende a creare grumi, vanno meglio i prodotti a base d'ammoniaca che li sciolgono bene.
Per il Glassex e simili (io uso l'Ajax Crystal Clean, trasparente, 10-20% in acqua) sembra non diano problemi nemmeno alla lunga.
Meglio usare quelli trasparenti, ma anche quelli colorati, una volta diluiti, difficilmente alterano il colore in maniera visibile.
Avatar utente
Carlitos
Messaggi: 357
Iscritto il: 07/02/2019, 23:13
Località: Cosenza

Re: polycolor...in alternativa

Messaggio da Carlitos »

L'isopropilico lo adottano molto nel modellismo con dei colori tipo tamiya se non sbaglio.
I reducer Createx sono nulla più che additivi studiati apposta per la loro linea e che a seconda della loro nomenclatura hanno una migliore efficacia a seconda di cosa si và ad impiegare, comunque bene o male la createx dice che si possono usare i loro reducer con qualsiasi linea della createx stessa.
Rendono la nebulizzazione del colore più fine poichè sono arricchiti di un solvente organico, 2butoxietanolo, quindi il colore diventa più fluido e di conseguenza impiega anche un pochino in più ad asciugare. Logicamente la percentuale di solvente non è altissima poichè si tratta pur sempre di una roba non sanissima per l'organismo se inalata, non al contatto poichè fra l'altro è un solvente che veniva largamente usato dai produttori di sapone.
Il 4012 high performance lo uso spesso con i colori della Hansa, soprattutto quando devo lavorare con l'aerografo da 0,18
Invece parlando di colori alternativi, oltre a questi già citati potete provare anche i Liquitex soft body diluiti con l'Airbrush medium liquitex, Il colore si nebulizza davvero molto bene.
Se poi vi volete fare un diluente per operare bene con gli aerografi da dettaglio potete adoperare il Liquitex Flow-aid, questo si aggiunge alla semplice acqua demineralizzata, 20 parti d'acqua per 1 di flow-aid e riempita una boccetta da 120ml ci aggiungete una goccia di glicerina liquida, la glicerina è il miglior ritardante per il colore acrilico quindi anche se non sarebbe indispensabile male non gli fà :-)
Lasciate stare vetril windex alcool rosso e quant'altro che alla fine vi può solo far male ai polmoni nonchè a volte alle cromature degli aerografi, tutt'al più li si può impiegare per pulirli ma io personalmente ho smesso di mischiarli ai miei colori, col tempo ho notato che non ne traevo nessun beneficio e sempre col tempo e la pratica la maggior parte delle volte uso la semplice acqua.
Vi posso assicurare che più si sperimenta e si fà pratica e più si impara a gestire i propri colori senza l'ausilio di nulla che non sia mirato all'aerografia stessa.
Avatar utente
aeropenna
Messaggi: 368
Iscritto il: 02/01/2019, 17:37
Località: fano (pesaro)
Contatta:

Re: polycolor...in alternativa

Messaggio da aeropenna »

bella discussione, mi piace!...carloe daniele hanno detto bene,....per gli e'tac serie "PS" basta solo acqua, meglio se pura, idem per la linea efx, ma dato che sono ribagnabili, state attenti a non soffermarvi troppo su un punto particolare, toglie il colore come un abrasivo. se per "base" intendi il "reducer 500", serve ad amalgamare meglio il pigmento, ma essendo una base trasparente, ne riduce il tono del colore. i polycolor, come altri acrilici in pasta, sono creati per il pennello, ma hanno una buona macinazione del pigmento, tanto da farli passare anche da punte piccole, ma con una maggiore diluizione, il chè non riduce il tono di colore come può avvenire con quelli da aerografia. per supporti in plastica, come anche pellame, tessuto,legno...bisogna usare dei colori appositi, che garantiscano un buon aggrappaggio al supporto che deve essere trattato prima del colore. gli e'tac hanno la serie "ps", i createx pure sono adatti. se non tratti la superficie prima del colore, il rischio che il pigmento possa non aggrappare bene, è alto.quando aerografo su alluminio, una lieve carteggiata è d'obbligo. per la plastica magari prima un aggrappante di base, dovrebbe essere sufficiente.
Un buon consiglio, sulle diluizioni, è quello di non mischiare, usa solo acqua, e niente altro. solo negli inchiostri, io metto una goccia o due di alcool, ma solo in determinati colori, quelli che fanno proprio fatica ad uscire. negli acrilici, tende a creare grumi da subito, come ha detto daniele. gli altri prodotti, contengono ammoniaca, che alla lunga mangia il cromo.
gli occhi vedono solo ciò che è limitato, guarda con il tuo intelletto, e imparerai come si vola
Avatar utente
axlrio72
Messaggi: 235
Iscritto il: 07/02/2019, 14:54
Località: La Loggia

Re: polycolor...in alternativa

Messaggio da axlrio72 »

Ciao..

ho scritto "plastica" generico per intendere le superfici non assorbenti in genere... queste comunque le tratto sempre.. minimo una mano di bomboletta di acrilico, se poi deve essere qualcosa che deve resistere all'aperto carteggio, applico l'aggrappante e poi una base a bomboletta bianca o nera... dipende dal soggetto e infine il trasparente finale.

Come colori sto usando quasi solo gli Etac PS, come sua base uso l'Extend Air GXPS-450... dovrebbe essere il suo trasparente senza pigmento, che come dici attenua un pò il tono ma va benone... quando voglio qualcosa di ancora più fluido metto o qualche goccia di H2O o appunto il diluente Createx, perché l'acqua appena uno esagera un pò fa la ragnatela... mentre con il diluente perdona un pò di più.
L'unica cosa come scrivevo con alcuni colori tende a fare dei piccoli grumi dopo qualche minuto, Carlitos.. ma con gli Hansa non hai questo problema ?

Quindi riassumendo, consigliate solo H2O o al max il Liquitex Flow aid... Carlitos, secondo te va bene anche per gli Etac Ps ??

Con un attimo di calma mi procurerò il Liquitex ... e poi vi diro.

ciao e grazie dei consigli.
A.
Avatar utente
aeropenna
Messaggi: 368
Iscritto il: 02/01/2019, 17:37
Località: fano (pesaro)
Contatta:

Re: polycolor...in alternativa

Messaggio da aeropenna »

Che i PS o createx facciano un minimo di"grumi", questi acrilici, è quasi normale, sono più tosti degli altri acrilici, proprio perchè devono aggrapparsi bene alle superfici come alluminio, tela, stoffa, plastiche varie.....ed ovviamente dopo un pò, anche la punta dell'ago ne risente, ma se si lavora ad ago vivo, si fà presto a pulirlo e ricominciare a dipingere. Il liquitex flow aid, è il loro fluidificante, amalgama al meglio il pigmento, favorendone l'uscita dalla duse. credo che essendo un prodotto per acrilici, dovrebbe andare bene anche per gli etac ps.
gli occhi vedono solo ciò che è limitato, guarda con il tuo intelletto, e imparerai come si vola
Avatar utente
Carlitos
Messaggi: 357
Iscritto il: 07/02/2019, 23:13
Località: Cosenza

Re: polycolor...in alternativa

Messaggio da Carlitos »

I grumi per come hai descritto tu no non mi capita, sempre se ho capito bene.
Se intendi che dopo una decina di minuti ti ritrovi con dei grumi nel colore allora no, se invece intendi che dopo la decina di minuti che spruzzi senza mai pulire l'ago ti si presentano dei grumi sparati sul disegno allora si, può capitare.
Ma onestamente credo che stare per svariati minuti a spruzzare colore senza mai dare un colpetto di pulizia all'ago o magari una bella spruzzata a vuoto
sia un pò un'utopia. Forse si può spruzzare di continuo senza mai intoppi se si adoperano determinati colori a solvente strà diluiti, ma anche qui ho qualche dubbio, di certo lo si può fare per più tempo rispetto a quelli all'acqua ma comunque dopo un pò l'ago in punta si arricchisce di pigmento secco che quasi pare allungarsi :-) per poi creare qualche sputtacchino.
Magari con colori tipo ecoline i tempi si allungano però se non ricordo male anche loro creano il problema poichè è una situazione fisiologica dello strumento, l'aria per quanto possa esser sparata a basse pressioni tenderà sempre a far asciugare un determinato quantitativo di colore sulla punta, anche le più lucide del mondo.
In molti video dove si gira in tempo reale si può notare come a scadenza regolare il disegnatore ha l'abitudine di pulire l'ago con le dita o con un pennellino o magari un cottonfioc ed anche di tanto in tanto spruzzare a vuoto, questo proprio perchè si preferisce avere questa abitudine piuttosto che rischiare di ritrovarsi sul disegno grumi accumulati in punta e sparati poi nel disegno.
Ad ogni modo per il discorso hansa uso il reducer createx maggiormente in ausilio di colori opachi un tantino più ostici, il bianco ad esempio.
Per gli altri solitamente mi trovo ormai bene anche con la sola acqua e magari la loro base trasparente, tutt'al più ho in una boccetta l'acqua addittivata del liquitex flow-aid
Invece se mi capita di voler provare un colore che non è propriamente per aerografia allora intervengo con l'airbrush medium liquitex, lo vidi usare una volta in un video della Marissa e me lo procurai.
Avatar utente
fish99
Messaggi: 235
Iscritto il: 06/02/2019, 15:09
Località: AnzolaEmilia(Bo)

Re: polycolor...in alternativa

Messaggio da fish99 »

che proporzioni usi tra acqua e liquitex flow aid ?
Rispondi