Costruzione avviatore amperometrico

Sezione dedicata ai compressori: dall'autocostruzione alla loro manutenzione.
Rispondi
Avatar utente
rokko
Messaggi: 171
Iscritto il: 04/01/2019, 13:34
Località: Sanremo
Contatta:

Costruzione avviatore amperometrico

Messaggio da rokko »

Per la sua costruzione, in modo particolare durante le prove,
dovendo essere eseguite "in tensione" occorre prendere tutte le
precauzioni del caso onde evitare possibili contatti accidentali
con i componenti in tensione


Come realizzare un seplice relè amperometrico da sostituire
all'avviatore a PTC per porre rimedio alle ben conosciute
attese di riavvio.
Per la costruzione, è utilizzabile un qualsiai piccolo relè, indipendentemente dalla
tensione della bobina in quanto và eliminato l'avvolgimento originale e ricostruito
in base alla potenza del motore.
Le note che seguono si riferiscono ad un avviatore per un gruppo
da 1/4 di hp, ho utilizzato questo relè (ma va bene qualsiasi simile).
20140510_075936.jpg
20140510_075936.jpg (70.01 KiB) Visto 998 volte


Dopo averlo disassemblato,
20140510_080735.jpg
20140510_080735.jpg (51.22 KiB) Visto 998 volte


ho rimosso tutto l'avvolgimento della bobina lasciando il rocchetto nudo.
20140510_082003.jpg
20140510_082003.jpg (66.85 KiB) Visto 998 volte


Il nuovo avvolgimento va ricostruito al posto del vecchio, la sezione
ed il numero di spire del rame smaltato, va scelta i funzione della
potenza del motore, il nuovo avvolgimento va posto in serie all'avvolgimento di
funzionamento del gruppo, la sezione deve essere adeguata in quanto scorre tutta
la corrente assorbita.
Il contatto del relè, alimenta l'avvolgimento di avvio, praticamente viene collegato
in modo analogo al PTC o di qualsiasi avviatore elettromeccanico.
Ho usato filo da circa 0,6 mm di diametro,(anche superiore va bene,
compatibilmente con le dimensioni del rocchetto) avvolgendone 25 spire
Non è un numero fisso, purtroppo occorre fare un po di prove, (il numero di spire può variare
in funzione della potenza del motore, tipo di relè utilizzato, forza della molla che vincola
l'ancora del relè), si può iniziare ad avvolgerne una trentina, riassemblare il relè
lasciando un poco di filo di scorta.
20140510_085444.jpg
20140510_085444.jpg (51.83 KiB) Visto 998 volte
Ricollegare elettricamente il relè ricostruito al gruppo al posto del PTC



Quanto segue va fatto con molta attenzione in quanto va eseguito in
tensione, fissare in qualche modo il gruppo al piano di lavoro, non toccare
nulla quando lo si alimenta
.


Alimentando il tutto, può accadere quanto segue:

Il motore ronza e non si avvia, il relè ronza e non si eccita,
rimane alimentato il solo avvolgimento di funzionamento,
occorre disalimentae subito, altrimenti interviene la protezione
termica.
In questo caso occorre aumentare il numero di spire della bobina.

Il motore si avvia ma il relè non si diseccita a motore avviato
lasciando i due avvolgimenti alimentati, il motore si avvia ma
persistendo i due avvolgimenti alimentati, inbreve tempo, anche in questo caso
interviene la protezione termica causa surriscaldamento degli stessi.
In questo caso occorre diminuire le spire della bobina.

Tutte le mopdifiche alle spire dell'avvolgimento, devono essere precedute de una
visibile e certa disalimentazione dell'insieme (spina estratta)


E' meglio non insistere molto durante le prove per non sollecitare inutilmente il motore,
ci si rende subito conto dell'esito.


Funzionamento:
Il motore all'avvio, assorbe una corrente maggiore di quella di funzionamento normale,
tale corrente scorrendo nella bobina consente l'eccitazione del relè, la conseguente
alimentazione dell'avvolgimento di avvio e l'avvio del motore.
A motore avvviato, la corrente assorbita diminuisce, il relè si diseccita lasciando
alimentato il solo avvolgimento di funzionamento.
Per questo motivo l'avvolgimento della bobina del relè deve essere
adattata al gruppo in uso.
Se tutto funziona, ad ogni alimentazione ripetuta deve corrispondere un corretto riavvio.

In alternativa a questo relè amperometrico, in sostituzione al PTC,
si può usare un temporizzzatore impostando a pochi secondi l'alimentazione
dell'avvolgimento di avvio

Ricordo che la protezione, interviene sia nel caso di assorbimenti di corrente
anomali persistenti (mancato avvio) che per surriscaldamento anomalo
dell'intero gruppo in quanto è fissata all'involucro dello stesso all'interno
della scatola dei collegaminti.
In alcuni casi, è costituita da un'ampolla di vetro contenente il sensore,
posizionata all'interno del gruppo a diretto contatto degli avvolgimenti.

Questo è il lik del funzionamento:
https://www.youtube.com/watch?v=RY6lR9eHLu8&t=13s
Avatar utente
pdani
Messaggi: 236
Iscritto il: 13/08/2018, 15:14
Località: Padova
Contatta:

Re: Costruzione avviatore amperometrico

Messaggio da pdani »

Ostrega, bel colpo!
Questa si va ad affiancare al separatore olio, gran bel dispositivo!
adri212
Messaggi: 37
Iscritto il: 25/06/2019, 21:12

Re: Costruzione avviatore amperometrico

Messaggio da adri212 »

Ho già un rele' pronto per essere sventrato :mrgreen:
Rokko sei davvero bravo!!
Rispondi