Aerografia su tela

Sezione dedicata alle illustrazioni su supporto piano (tela, cartoncino, pannelli vari)
Avatar utente
aeropenna
Messaggi: 363
Iscritto il: 02/01/2019, 17:37
Località: fano (pesaro)
Contatta:

Re: Aerografia su tela

Messaggio da aeropenna »

Qui la faccenda si complica, in teoria, sarebbe giusto, più o meno, solo che in photoshop, le percentuali si riferiscono alla composizione dei colori secondo le palette dei "pantone color" per la stampa offset. per un riscontro migliore, sulla sezione "colori", mi pare di aver letto un post
simile al tuo, sugli e'tac, in cui si inseriva il link per un sito, dove un ingegnere ha creato una serie di tavole per creare colori con gli e'tac,
seguendo certe percentuali....se poi usi i trasparenti, nella home, (https://www.aerografisti.com/) a sinistra, c'è un piccolo manuale di aerografia,
alla pag.42, vi è inserito uno schema approssimativo per creare determinati toni di colore, un idea te la dà!............io non lavoro esclusivamente con i primari, o almeno fino a qualche anno fà, lo facevo, poi ho dovuto cambiare e seguire un altro schema, con lavorazione più complessa.
Se pensi di usare solo i pimari, è consigliabile usare i trasparenti, in modo da fondere e creare toni di colore diversi, cosa che con i coprenti non puoi fare.

Guarda nella sezione "tutto il resto" al post "software per fare tonalità di colori" c'è il link per i software di ZSOLT,
gli occhi vedono solo ciò che è limitato, guarda con il tuo intelletto, e imparerai come si vola
Avatar utente
fish99
Messaggi: 234
Iscritto il: 06/02/2019, 15:09
Località: AnzolaEmilia(Bo)

Re: Aerografia su tela

Messaggio da fish99 »

Ti consiglio vivamente l'utilizzo del software di zsolt, per incominciare ti semplifica di molto la vita tant'è che io lo uso ancora :D
Avatar utente
Carlitos
Messaggi: 353
Iscritto il: 07/02/2019, 23:13
Località: Cosenza

Re: Aerografia su tela

Messaggio da Carlitos »

Zio Enrico ti ha detto tutto ciò che hai chiesto ed io vorrei solo aggiungere che per mia personalissima esperienza non è fattibile affidarsi solo al sistema da te scritto adoperando photoshop, cioè io non ci sono mai riuscito quindi potrebbe dipendere dalla mia ignoranza in merito. Anche se sembra avere una logica quel sistema ho notato che nella realtà dei fatti non è sempre affidabile, suppongo che il grande Zsolt abbia sviluppato il suo software anche in virtù di questo. Moltissime volte io mi ritrovavo che photoshop mi dava dei valori che poi tradotti come nel tuo esempio non rispettavano ciò che realmente ottenevo come risultato della tinta. Forse nei casi di tinte mischiate per mezze parti ci si avvicinava di più ma credimi in tanti altri non ci si azzeccava per nulla. Mi era sempre sorto il dubbio che fosse la mia poca conoscenza del programma che mi portava all'errore ma chiacchierando con altre persone appassionate di disegno e con più conoscenza dei programmi tipo photoshop mi hanno in molti cofermato che non sempre è facile ottenere questo tipo di traduzione e conversione dei colori. In più se fai caso alcune tinte variano da come le vedi in boccetta rispetto a come poi si presentano una volta spruzzate, quindi un fattore in più che può influire. Tanto è vero che nel software di Zsolt ci stà proprio un ampia libreria che comprende varie marche di colore e suppongo che ciò si sia reso necessario proprio per rendere quel programma il più affidabile possibile. Per questo anche io come hanno scritto gli altri ti consiglio di far più affidamento al programma di Zsolt che non a photoshop.
Per quanto riguarda la preparazione dei colori io avvolte li preparo prima quando sò a grandi linee che mi servirà un certo quantitativo di colore ma il più delle volte li mescolo al momento, più o meno come detto da zio Enrico. Certo non ho la sua conoscenza e dimistichezza nel farlo ma una cosa che mi aiuta parecchio è appuntarmi sempre come ottengo una certa tinta e da molto tempo mi sono creato una sorta di piccola mazzetta colori in cui ogni tinta è spruzzata su un cartoncino partendo dal pieno del tono fino allo sfumato e sotto annoto marca, nome del colore usato o dei colori e quantitativi per ottenerlo. Insomma ci scrivo tutto ciò che mi potrà servire in futuro per replicarlo con un buon grado di sicurezza. Lo sò, sembra una roba da maniaci o forse inutile ma è una piccola abitudine :-) Col tempo e la pratica non sempre la consulto poichè alcune cose poi si fanno quasi in automatico però ammetto che spesso mi è stato d'aiuto e quando mi capita di dover fare qualche nuova tinta non ci vuole molto tempo a creare il nuovo cartoncino.
derapone
Messaggi: 23
Iscritto il: 20/12/2020, 19:59

Re: Aerografia su tela

Messaggio da derapone »

Ahhhh... torno da lavoro e trovo del materiale da leggere, che figata!!
Quante informazioni......Siete fenomenali!
Non esiste nessuna guida che ti possa aiutare più della condivisione delle proprie esperienze.
Grazie ancora...

Ora devo una birra anche a fish99 e Carlitos.
Spero di imparare presto altrimenti mi costerete più di un figlio agli studi.... :D

Un saluto
Simone.
Rispondi