Piccolo manuale di aerografia per principianti

Sezione dedicata a chi inizia ad avvicinarsi a questa complessa arte
Rispondi
Elians
Messaggi: 8
Iscritto il: 22/02/2021, 17:21

Piccolo manuale di aerografia per principianti

Messaggio da Elians »

Ciao a tutti, avrei bisogno del vostro aiuto.
Per cominciare con l'aerografo, ho fatto vari esercizi e seguo il manuale di "aerografisti"
Nel manuale, ad un certo punto ci fa preparare delle tavolozze di colore (talens ecoline)
Ma non ne ho capito bene l'esecuzione. Qualcuno può illuminarmi per favore?
Non riesco a capire i che modo si possa essere così precisi (senza sprecare litri e litri di colore)
Di sicuro avrò frainteso qualcosa. Grazie a chi potrà aiutarmi
Avatar utente
aeropenna
Messaggi: 363
Iscritto il: 02/01/2019, 17:37
Località: fano (pesaro)
Contatta:

Re: Piccolo manuale di aerografia per principianti

Messaggio da aeropenna »

Allora!...mi fà piacere che segui il manuale, sò che molte cose che a noi sembrano semplici, da principianti sono complicate. Per i colori
quelle sono tavole che dovrebbero darti una idea di come arrivare a preparare un determinato tono di colore. Se hai letto bene, ho scritto che quelle tavole, sono state disegnate a computer, ed i colori che vedi a schermo, non possono essere esattamente identici a quelle che tu
prepari a mano su carta....sono indicative. Le quantità sono anche esse indicative..però hai una base di partenza. Innanzitutto, per miscelare bene i colori, e ricavarne un terzo, bisogna usare colori trasparenti, da qui l'uso delle ecoline che sono acquarelli trasparenti. Se vuoi ottenere un colore rosso fuoco, devi miscelare un giallo limone (primario) ed un magenta primario. per ottenere un verde misceli giallo e cyan primario..e così via.
Tù mi dirai...perchè miscelare due colori, quando posso comperare un rosso già pronto!..giustissimo, ma per tenere una varietà di colori, devi comperare molte boccette, e sono soldi, invece con tre colori primari, puoi ottenere una varietà di toni illimitata. Passiamo alle schede.
pag 43 ti dice come preparare i vari toni...il colore di base quì è il giallo. ogni quadratino ti dice la quantità di gocce di colore che devi miscelare...
Sono andato a cifra tonda, quindi per il giallo sono sempre 10 gocce a cui devi aggiungere le altre gocce di rosso e blu.

Pag 44 - la fila orizzontale, è composta sempre di 10 gocce di giallo a cui devi aggiungere del rosso (magenta)..più rosso aggiungi, più il giallo tende a diventare arancio ed infine rosso fuoco. la fila verticale contiene sempre 10 gocce di giallo ma devi aggiungere il cyan primario, più cyan aggiungi, più il tono varierà verso il verde.

pag 45 - quì hai tutte le combinazioni di toni sempre con base gialla cioè con 10 gocce ogni quadrato. la prima fila orizzontale in alto non contiene blu!
la seconda fila contiene solo una goccia di blu ogni quadrato...la terza fila contiene solo 2 gocce di blu ogni quadrato...e così via.

Come ti ho detto sono indicativi, a computer vedi i colori in modo diverso, però se hai bisogno di un verde particolare e non sai come farlo, scegli un colore dalla tavola, e avrai le indicazioni approssimative di come farlo, o almeno avvicinarti ad esso. Usando le ecoline, non hai bisogno di diluire il colore, ma se usi acrilici sempre trasparenti, credo che dovrai diluire, e più acqua aggiungi, più il tono di colore si abbassa....

Come avrai capito, ci sono molte prove da fare, e più lavori con queste miscelazioni, più esperienza acquisterai con la preparazione dei colori e meno soldi spenderai in futuro per l'acquisto di colori. Non hai bisogno di fare una tavola intera, basta solo qualche quadratino giusto per vedere come te la cavi. Spero di averti potuto chiarire le idee, almeno in parte. se hai altri chiarimenti.....
gli occhi vedono solo ciò che è limitato, guarda con il tuo intelletto, e imparerai come si vola
Elians
Messaggi: 8
Iscritto il: 22/02/2021, 17:21

Re: Piccolo manuale di aerografia per principianti

Messaggio da Elians »

Prima di tutto: GRAZIE AEROPENNA
Sono assolutamente onorato di ricevere una risposta da te in persona.

Quanto hai scritto, è chiarissimo.
In realtà, lo sei stato anche nel testo del manuale (che adoro)
Trovo geniale prepararsi, con questo sistema indicativo (e utile ai fini dell'apprendimento), un "vademecum" dei colori.

La cosa che non ho capito è: faccio prima tutto giallo come nelle foto? (No, altrimenti non mi troverei più col rapporto in gocce)

Allora faccio nel serbatoio dell'aerografo 10 gocce di giallo e le spruzzo per riempire il quadratino 10-0-0 (ma poi mi avanza del giallo. In quelli, non posso mischiare niente perché non sono più 10 gocce)

Sono arrivato alla conclusione che:

-Preparo il colore nel rapporto che è scritto in tabella, coloro il quadratino, col resto ci faccio esercizi fino ad esaurimento colore. Poi rifaccio un altro serbatoio col colore del secondo quadratino, coloro e poi finisco il serbatoio con altri esercizi e così via... Ma così, sprecherei tantiiissimo colore (sprecare ai fini della tabella, non dell'apprendimento)

Oppure:

-Faccio una proporzione per avere lo stesso rapporto in quantità ridotte di colore nella coppa.



Spero di essere riuscito a spiegarmi.
Cmq uso anch'io Ecoline come da consiglio e li trovo fantastici (li anche usati diluiti per gli esercizi sulla sfera. Spettacolari)

Grazie grazie grazie
Avatar utente
aeropenna
Messaggi: 363
Iscritto il: 02/01/2019, 17:37
Località: fano (pesaro)
Contatta:

Re: Piccolo manuale di aerografia per principianti

Messaggio da aeropenna »

Chiarissimo. Innanzitutto mi fà piacere di averti costretto a pensare, a trovare soluzioni alternative ad alcuni problemi che hai trovato.. e questo è un passo in avanti molto importante. cosa che ti sarà utilissima in futuro! Come ti ho detto, i toni sono indicativi..per le quantità, era più facile partire da 10 gocce come colore base, cifra piena....se dovessi dimezzare, mi sarei trovato a dividere 1 goccia di colore...cosa ardua!..sò che 10-15 gocce sono molte...prova a dimezzarle se riesci, ma anche se non riesci appieno, lo scopo non è tanto trovare un determinato colore, ma fare pratica con le miscelazioni. le tabelle ti indicano i vari toni che puoi creare con soli 3 colori. prova con 1 goccia a testa tra giallo e rosso e completa un quadratino... poi fai 1 giallo e 2 rosso..e completa un secondo quadrato e così via......alla fine avrai una tua tavolozza con 5-6 quadrati con colore che varia da giallo arancio al rosso pieno. su un altro foglio prepara la stessa cosa cambiando i due colori base....(rosso e blu - giallo e blu)...ti ritroverai delle tavole per il futuro, con le giuste quantità di colore necessarie scritte sopra ogni quadratino.
Miscela il colore direttamente nell'aerografo ma non diluirli ....e se ti avanza il colore buttalo oppure rimettilo in una boccetta vuota che potrà servirti in futuro...

fare prima tutto il quadrato giallo e successivamente intervenire con il secondo colore, serve di più se devi fare delle sfumature...una volta steso sulla carta (che è assorbente) il tono cambia leggermente e la tua spruzzata non sarà uguale alla prima stesura..quindi meglio prepararli dentro l'aerografo.

se devi fare un marrone, 1giallo 1rosso 1cyan poi aumenti il cyan ed in un'altra serie di quadrati aumenti il rosso scrivendoti le gocce che metti.
man mano che acquisisci pratica, le tavole non ti serviranno più, dato che andrai per esperienza. Comunque all'inizio difficilmente ti servirà un determinato tono di colore, ma ti servirà sapere come creare un marrone, un verde marcio, un rosa carne poi una volta stesi, sapere come scurirli o renderli più chiari. ma una cosa per volta.
gli occhi vedono solo ciò che è limitato, guarda con il tuo intelletto, e imparerai come si vola
Elians
Messaggi: 8
Iscritto il: 22/02/2021, 17:21

Re: Piccolo manuale di aerografia per principianti

Messaggio da Elians »

Perfetto, è tutto molto chiaro.
Anche perché così facendo comincio già a ragionare in modo più veloce (e utile)
E troppo facile pemsare (sbagliando) che per schiarire si usa il bianco e per scurire, il nero.
Grazie infinite per gli stupendi consigli
Avatar utente
Carlitos
Messaggi: 353
Iscritto il: 07/02/2019, 23:13
Località: Cosenza

Re: Piccolo manuale di aerografia per principianti

Messaggio da Carlitos »

Quando zio Aeropenna fece questo esercizio fui il primo a testarlo e mi ricordo che anche io gli chiesi se potevo continuare ad utilizzare il colore rimasto in coppetta ed all'epoca mi disse che se potevo era meglio fare la prova senza tener conto di quanto restava, quindi partire ogni volta dalle famose nuove 10 goccie. Questo non tanto per farmi sprecare colore, poichè da principianti si deve quasi per forza farlo, ma perchè giustamente voleva un riscontro da parte mia il più fedele possibile proprio perchè poi l'esercizio doveva esser inserito nel manualino e quindi il parere di un principiante capoccione come me gli tornava utile.
Io ti consiglio di eseguirlo così come è stato indicato, lo capisco che un poco di colore andrà via ma ti tornerà utile in futuro ed anzi potrai adottare lo schema anche per altre tipologie di colore tenendoti poi da parte un casellario con le varie tonalità.
A distanza di tempo ho rifatto questo esercizio ma invece di usare cartoncino normale ho adoperato un foglio di quelli usati dalle stampanti a getto d'inchiostro per stampe fotografiche, quello col lato lucido. Devo dire che l'effetto del colore era di molto migliorato ed infatti da allora ogni prova di spruzzo quando cerco una tonalità di colore la eseguo su tessere ricavate da quei fogli e sul retro segno ogni info necessaria a riprodurlo, una sorta di personale mazzetta colori che col tempo si implementa e ritorna utile là dove la memoria non basta :-)
Elians
Messaggi: 8
Iscritto il: 22/02/2021, 17:21

Re: Piccolo manuale di aerografia per principianti

Messaggio da Elians »

Grazie Carlitos. Onorato, a questo punto, di ricevere anche il tuo intervento 😊
Tra l'altro, mi confermi quanto ho dedotto.
Meglio fare l'esercizio bene (aiuta nella pratica, migliora la stesura del colore, esperienza nella miscelazione, nei cambi colore, fa occhio etc.)
E usare quanto rimane nella coppetta per fare esercizi di altro tipo...

Credo che si tratti di un buon investimento, anziché di uno spreco
Grazie davvero
Rispondi