aerografo in kit? per stampa 3d esche da pesca e varie...acrilico?

Sezione dedicata a chi inizia ad avvicinarsi a questa complessa arte
Avatar utente
pdani
Messaggi: 98
Iscritto il: 13/08/2018, 15:14
Località: Padova
Contatta:

Re: aerografo in kit? per stampa 3d esche da pesca e varie...acrilico?

Messaggioda pdani » 15/05/2019, 21:46

sexydesign ha scritto:quindis ervirebbe un pezzo di tubo magari a 90° e due raccordi? o solo raccordi?

Puoi mettere anche un tubo spiralato di prolunga di quelli che si usano per i compressori, non serve per forza un tubo rigido.
Se fosse metallico, di rame ancora meglio, sarebbe termicamente più conduttivo e raffredderebbe di più, ma è più complicato da realizzare.
Puoi fare una prova e se è sufficiente (quello in plastica) sei a posto, altrimenti lo riutilizzi come prolunga ;)

sexydesign
Messaggi: 61
Iscritto il: 18/04/2019, 17:17

Messaggioda sexydesign » 17/05/2019, 12:17

domanda voi quando miscelate i colori (per esigue quantita') dove lo fate? direttamente in serbatoio? e l'avanzo di colore dove lo mettete?

Avatar utente
Carlitos
Messaggi: 151
Iscritto il: 07/02/2019, 23:13
Località: Cosenza

Messaggioda Carlitos » 17/05/2019, 14:02

Dipende che intendi per esigue quantità... in aerografia per la maggior parte del tempo si usano piccole quantità di colore a meno di non dover usare sempre una stessa tinta per riempire una superfice abbondante, allora in questo caso lo si miscela in un contenitore a parte e poco a poco lo si utilizza.
Poi le abitudini cambiano anche in base alla tipologia del colore, coprente o trasparente. Col trasparente c'è chi ha più esperienza e non miscela quasi mai nella coppetta ma sfruttando la peculiarità dei trasparenti crea la tinta direttamente spruzzando in sovrapposizione e comunque le quantità sono quasi sempre minime.
Se poi usando il colore ti rendi conto che ne hai fatto troppo, beh le strade son due: o lo getti nella coppetta di scarico che ti sei creato oppure lo versi in un contenitore. Quest'ultima però la vedo pratica solo se lo riutilizzi a breve tempo poichè a meno che non ti restino svariati ml allora si potrebbe seccare nel contenitore stesso.
Comunque ti anticipo che all'inizio c'è sempre un maggior spreco di materiali, poi pian piano con l'esperienza e su alcuni lo spreco si riduce.

sexydesign
Messaggi: 61
Iscritto il: 18/04/2019, 17:17

Messaggioda sexydesign » 18/05/2019, 14:45

una cosa e' sicura non amo il serbatoio grande della mia penna alla fine uso 4 gocce max 6 e li dentro ce ne stanno ettolitri...quando verso le gocce devo centrare bene la gola del serbatoio se no non arrivano allo spillo e comunque c'e' molto spreco, ora come ora vado nel lavandino e scarico li...sciaquo e poi ricarico un altro colore.
piu' avanti acquistero' una altra penna, questa va bene se colori cose grandi

Avatar utente
Carlitos
Messaggi: 151
Iscritto il: 07/02/2019, 23:13
Località: Cosenza

Messaggioda Carlitos » 18/05/2019, 21:54

Lavora lavora, che tutto viene risolto con la pratica e l'esperienza :-)
Il mio primo aerografo aveva la coppetta non dissimile dalla tua in capienza ed i problemi mi sembravano gli stessi dei tuoi.
Col secondo aerografo cambiai solo la qualità dello strumento ma la coppetta era comunque grande, però ciò che fece la differenza era che nel frattempo avevo fatto milioni di esercizi e prove su prove quindi avevo acquistato maggior conoscenza. Con lo strumento che rispondeva meglio notai subito che tanti intoppi non erano causati dalla mia incompetenza e da lì iniziò un percorso per me molto bello, che continua ogni volta che riesco ad aerografare.
Era uno 0.35 quindi non propriamente da dettaglio eppure riuscivo a lavorarci anche su cose piccole e quando hai in mano un aergrafo che non ti fà domandare se per un intoppo la colpa è tua o sua allora la curva dell'apprendimento si impenna, e ci prendi pure più gusto :-)
Se hai problemi nel ricaricare piccole quantità di colore sappi che puoi ovviare a ciò utilizzando un pennelinno, metti il tuo colore in altra sede e poi col pennellino ne trasporti il tanto necessario nella coppetta dell'aerografo e nel punto che più ti aggrada. Di metodi ce ne sono molti ed ognuno adotta o si inventa i propri, tutto stà a te che con la pratica devi adeguare ai tuoi scopi i tuoi mezzi.
Ciò non toglie che un aerografo da dettaglio è definito tale proprio perchè ha determinate caratteristiche e quindi è logico che ci si lavora meglio nel piccolo sotto tanti punti di vista, non solo per il serbatoio piccolo.

Avatar utente
aeropenna
Messaggi: 193
Iscritto il: 02/01/2019, 17:37
Località: fano (pesaro)
Contatta:

Messaggioda aeropenna » 19/05/2019, 6:41

Come vedi, ciò che avevamo detto all'inizio del post, cioè pensare bene su che tipo di lavoro devi fare, prima di buttarti su materiali che poi potrebbero non essere quelli desiderati, non era poi tanto errata. anche noi, all'inizio, abbiamo acquistato materiali che poi sono stati sostituiti con altri più adatti...comunque non tutto viene per nuocere, molti di noi, col tempo, cambiano obiettivi, sopggetti, supporti, e un aerografo con serbatoio grande, si potrebbe rivelare utile, fra qualche anno....e come molti, potresti ritrovarti ad avere una tua scuderia di aerografi adatti a vari usi e consumi.
Per ora, consumerai un poco di colore in più, ma le quantità sono minime...e col tempo imparerai a giostrare le gocce di colore senza sprechi.
Il colore in avanzo, poche gocce, ti conviene gettarle, se non riutilizzi a breve termine. il post è troppo lungo per ricordarmi che colori usi, ma se sono acrilici all'acqua per disegno, non rigettare il colore nella boccetta, se è diluito, col tempo, col caldo o umidità, potrebbe andare a male, e puzza. tieni i colori all'ombra ed in zona fresca almeno in estate....possibilmente, ogni tanto, rivolta le boccette a testa in giù ( magari dentro una scatolina) e tienicele, impedirai di far seccare il colore all'interno. ...una volta al mese, o quando serve, una bella pulita al tappo delle boccette impedirà il formarsi di colore secco che poi sgretolandosi, finirà nel colore che dovrai usare nell'aerografo, evitando di intasarlo....piccoli accorgimenti ma che potrebbero agevolare di molto il tuo lavoro.
gli occhi vedono solo ciò che è limitato, guarda con il tuo intelletto, e imparerai come si vola

sexydesign
Messaggi: 61
Iscritto il: 18/04/2019, 17:17

Messaggioda sexydesign » 20/05/2019, 21:38

oggi mi e' arrivato il filtrino da mettere sotto la penna, lo ho montato ma ancora non ho avuto modo di provare anche se devo dire che ultimamente non me lo faceva piu'...forse era dovuto all'umicita' di questi giorni di piogge ma comunque non lo faceva piu' ...spero ora di sicuro non capitera'...ho notato che hora l'impugnatura della penna con questo filrtino e' migliorata sta meglio in mano, pensavo era piu' grosso invece e' bello compatto.

Avatar utente
ArteKaos
Messaggi: 36
Iscritto il: 02/04/2019, 16:02
Località: Bologna
Contatta:

Messaggioda ArteKaos » 25/05/2019, 14:30

:D Ben fatto amico!!
Hai imparato sulla tua buccia, cosa significa adattarsi alle situazioni che ti si presentano, quando fai un aerografia....bravo!

Oggi è un esca, domani una maglietta (un altro approccio), dopodomani un casco (un altro approccio ancora).

Non ti sei perso d'animo incontrando le difficoltà che hai avuto, e ti stimo; ma stanne certo...ne avrai ancora (speriamo tutti di nuove!).
Per ora ottimo lavoro!!
E adesso....ANCORAAAAAAAAAAAAAA!!! :twisted:
You can do it....
Airbrush is Art!
ArteKaos


Torna a “Primi Passi”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite